16/05/08

Terry Brooks - La spada di Shannara

Ecco l'esempio dell'evoluzione del Signore degli anelli. Inizialmente si è colpiti dalla somiglianza tra le due opere in cui ci riscontrano fin troppi punti in comune....ma andando avanti nella storia ci si accorge che in realtà Brooks tende a qualcosa di più ristretto, quasi come se volesse evitare di emulare Tolkien.
L'intrecio narrativo del libro è sicuramente di notevole fattura, sono tante le descrizioni(sempre rifacendosi al Signore degli Anelli) e tanti pure i personaggi, tutti ben caratterizzati.
A parte qualche capitolo in cui ho trovato difficoltà ad andare avanti, il resto è ben fatto, soprattutto per quanto riguarda alcuni passi in cui regna il pathos(molto coinvolgente).
Concludendo posso affermare che vale comunque la pena leggere il libro (molto probabilmente leggerò tutta la saga) sia per quanto riguarda il coinvolgimento sia per la storia stessa.

Trama:
Il villaggio di valle d'Ombra è sempre vissuto in pace, ma ora anche su di esso grava una terribile minaccia. Il Signore degli Inganni, che molti ritenevano morto da secoli, è di nuovo all'opera. Solo un meraviglioso talismano, la spada di Shannara, può riuscire a sconfiggerlo per sempre, ma la mitica arma può essere ritrovata ed impugnata solo da un discendente di antichi re. E' forse questo il destino del giovane trovatello Shea?

Voto: 8/10

1 commento:

Miche l'esteta ha detto...

Lo lessi da più giovane!
Personaggio preferito: il potente mago Alonnanon